TripNtale is the best place to show off your travel   Upload Photos Now! X

3 days to go

Viewed: 621  

 

Il conto alla rovescia e’iniziato. Per il mio viaggio. E per il mio ritorno in patria.

Sara’ questo tempo cupo e deprimente, la pioggia che non smette di cadere e le nuvole che fanno persino dimenticare l’esistenza di un cielo..ma oggi sono contenta di aver preso la fatidica decisione di lasciare la mia pur sempre amata Londra.

Una ragione per tutte. Il tempo. Credo di aver raggiunto il limite di sopportazione. Se qui il tempo fosse non dico tropicale, ma almeno mediterraneo sarebbe forse impossibile desiderare di andarsene.

Poi ci sono tante piccole cose che giorno dopo giorno sembrano voler avallare la mia decisione.

Il contratto d’affitto scade a giugno. Così come il contratto con il mio operatore telefonico O2. Per non parlare di quell' investimento bancario intoccabile per 2 anni che guarda a caso scade proprio ora.

Non saranno grandi cose, ma piccole coincidenze che mi fanno credere che doveva proprio andare cosi’.

Non sono altrettanto convinta che Mantova sara’ la mia destinazione paradiso. Ma meglio non pensarci ora. Meglio fare un passo alla volta.

Mantova e i suoi “terribili” abitanti  in soli 12 giorni di pausa pasquale hanno avuto il potere di minare i miei progetti e il mio entusiasmo per il mio viaggio. Ingratissima patria!

Londra invece nel giro di poche ore e’ riuscita a restituirmi un po’ di ottimismo, di curiosita’ e voglia di agire, viaggiare, scoprire, esplorare, sognare.  E’ abbastanza incredibile il potere di questa citta’. Forse e’ la prima volta che me ne rendo conto in maniera cosi’ netta e chiara. Oddio no..proprio ora ..che la scadenza a puntino dei miei contratti mi aveva convinta dell’assoluta adeguatezza e opportunita’ della mia scelta!!

 

Mancano 3 giorni alla partenza e mentalmente ripasso le cose che ancora non sono pronte o che non sono riuscita ad organizzare. Questo il punto della situazione:

Detesto Barclays. Oltre che avermi bistrattata come dipendente, mi sta riservando lo stesso miserissimo trattamento come cliente.

Il 27 febbraio avevo inviato un bonifico di 200 sterline alla Trekkers’ Society di Kathmandu come caparra per il mio tour del Tibet. I soldi pare non siano mai arrivati. Ho passato ore al telefono con il servizio clienti Barclays e relativi maledettissimi risponditori automatici ma naturalmente nessuno e’ stato in grado di darmi spiegazioni. Oggi sono andata in banca e l’impiegata con aria imbarazzata mi ha detto che il pagamento era stato rifiutato perche’ i dati della banca di destinazione erano errati. In un mese nessuno si e’ premurato di farmi sapere che il pagamento che avevo fatto non era andato a buon fine. No comment.

Nel frattempo da Kathmandu mi hanno informata che non sono ammessi turisti in Tibet per tutto  Marzo, ma sperano vivamente che le cose si sistemino presto e il mio tour non debba saltare. Io sono determinatissima a fare questo tour, non voglio rinunciare al Tibet a costo di pagare tangenti pur di riuscire a superare il confine. E’ la meta che ho piu’ sognato e non posso assolutamente perdermela!

Anche la mia settimana in India, tra Dehli e Kathmandu, e’ ancora tutta per aria. Mi e’ stato impossibile prenotare i treni per Agra e Jaipur. Il confusissimo sito delle ferrovie indiane non ha funzionato per giorni.

Quindi non mi resta che incrociare le dita e sperare di trovare biglietti sul posto. Ho anche abbandonato l’idea di raggiungere Kathmandu via terra per mancanza di tempo. Dovro’ prendere un volo, che pero’ non e’ possibile prenotare on-line...Insomma mi tocchera’ fare tutto in loco...no alpitur!!

Se all’inizio questi piccoli/grandi intoppi mi mettevano parecchia agitazione, ora prendo tutto con molta filosofia. Forse sto davvero iniziando a capire il senso vero dell’avventura.

Piu’ incognite = piu’ avventura.

Whatever will be will be...

In compenso lo zaino e’ pronto. Con incredibile anticipo. Non e’ da me. E me ne compiaccio. Ci e’ stato tutto cio’ che volevo farci stare. Comprse le 10 ingombrantissime confezioni di compresse antimalariche che richiederebbero da sole un bagaglio a parte. L’unico problema e’ la mia gracile schiena. Non saro’ molto agile e scattante con questo affare addosso. Spero non ci saranno raffiche di vento in giro per il mondo.

Una notizia positiva e’ che sono riuscita a subaffittare la mia stanza ad una coppia di Kiwis per 1 mese e 20 giorni. Almeno mi entreranno un po’ di soldi.

Luca mi chiama per la cena. Una delle ultime in sua compagnia.



Comments

Please Login or Sign Up to comment.

or

or


The final countdown

London, United Kingdom



Home Service done the smart way